Lotta agli insetti vettori

Le strategie di lotta agli insetti vettori includono le misure di protezione personale contro le loro punture e le tecniche di eradicazione o di riduzione della diffusione di detti vettori nell'ambiente. Per il viaggiatore internazionale e per l'escursionista che si reca in aree a rischio è fondamentale conoscere le norme più comuni di prevenzione delle punture.

Norme di prevenzione contro le punture di insetti vettori.

E' bene ricordare che le zanzare pungono soprattutto nelle ore fra il tramonto e l'alba, sono attirate dai colori scuri e da eventuali cosmetici profumati presenti sulla pelle, riescono a pungere anche attraverso abiti molto sottili e sono molto attive, allorchè si realizzano le condizioni atmosferiche di caldo umido. Con i loro organi di senso riescono ad individuare persone ed animali anche a grande distanza. Riescono, con la loro eccezionale capacità di valutare anche minime differenze di temperatura, a pungere quelle parti scoperte della pelle più calde, perchè più irrorate. E' la zanzara femmina che punge; il pasto di sangue favorisce infatti la maturazione delle sue uova.

La prevenzione dunque si basa su:

Uso di vestiti di tessuto leggero, ma che offrano una buona resistenza alle punture e che coprano il più possibile (camicie con maniche lunghe, pantaloni lunghi, scarpe chiuse o stivali ).

Uso di repellenti da applicare sulle parti scoperte della pelle. I repellenti più efficaci sono quelli a base di Dietiltoluamide (DEET). Va evitata l'applicazione sugli occhi , sulla bocca, sulla pelle irritata e sulle ferite. Nei bambini molto piccoli bisogna evitare l'applicazione anche sulle dita, è preferibile usare preparati a concentrazioni più basse e lavare la pelle trattata appena si rientra in ambiente protetto, dopo l'escursione all'esterno. Tutti questi prodotti hanno una efficacia limitata a 4-8 ore e la sudorazione li diluisce, riducendone l'azione protettiva.

Soggiorno in ambienti protetti. Preferire locali forniti di aria condizionata o almeno di zanzariere alle finestre. In mancanza possono essere usate le zanzariere da letto; esse devono essere rimboccate sotto il materasso per evitare l'ingresso delle zanzare, devono essere esenti da smagliature e, per aumentarne l'efficacia, possono essere impregnate con preparati a base di Permetrina o di Deltametrina.

Nei locali in cui si soggiorna, soprattutto nelle camere da letto, usare insetticidi da diffondere o in forma di spray o con diffusori elettrici , o anche con spirali al piretro da far bruciare durante la notte.

Per prevenire le punture delle zecche è necessario ricordare che questi insetti generalmente infestano gli animali, anche domestici e sono quindi più a rischio le zone rurali ove esistono allevamenti e le zone boschive. La zecca riesce a risalire lungo le aperture dei vestiti (maniche,apertura in basso dei pantaloni ecc..) e venire a contatto con la pelle e per questo sarebbe bene impregnare anche queste parti di vestiario con repellenti. Qualora la zecca si attacchi alla pelle evitare di rimuoverla bruscamente; è preferibile addormentarla con dell'alcool e poi rimuoverla dolcemente con una pinzetta.

La lotta per l'eradicazione dall'ambiente degli insetti vettori di malattie è un problema di enorme portata, tenuto conto di tutti i fattori che determinano la crescita e moltiplicazione degli insetti nell'ambiente. Molti fattori sono poi non modificabili ( es. umidità, temperatura). D'altro canto l'uso di insetticidi, oltre a creare problemi di impatto ambientale, determinano resistenze degli insetti stessi. In generale si distingue la lotta alle larve e alle uova e la lotta all'insetto adulto. Esistono diversi principi attivi da utilizzare come larvicidi, ovicidi e insetticidi. Alcuni di essi posseggono anche un'azione residua : Organofosfati, Carbammati, Composti cloro-organici ecc.

 

Ritorna a : Insetti vettori